Calendario
Dicembre 2017
L M M G V S D
27 28 29 30 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Home >> Storia

postheadericon Storia

Indice
Storia
dal 1976 ad oggi
Tutte le pagine

Ma vedé quanta zente da ogni banda e Dea... ce ben ch'el  fesc sonà ra Banda

particolare_bandiera_150x178

L
e parole di questa rima scritta in occasione dell'entrata in Ampezzo del nuovo Parroco Don Agostino Constantini, ci riportano nel lontano 1861 quando una trentina di appassionati guidati da Andrea Constantini, meglio conosciuto come "Dea Zima", forti delle precedenti esperienze di suonatori di fanfara, fondano il Corpo Musicale di Cortina. In quello stesso anno "Dea Zima", maestro elementare ed organista organizza anche una scuola di musica e compila un regolamento disciplinare per questo nuovo Corpo Musicale.

Da quel 1861, molti sono gli avvenimenti.

Nel 1896 il comune comincia a corrispondere alla Banda una piccola sovvenzione, riconoscendo il sacrificio e l'abnegazione dei musicanti, e allo stesso tempo intuendo l'importante funzione, nel tessuto sociale, di tale sodalizio.

 

Il diretto successore di "Dea Zima" é un impiegato statale, un certo Hermann che guida la Banda dal 1880 al 1892. Sotto la guida di Hermann si ricorda la trasferta del 1883 a Vienna per un importante raduno folcloristico. L'anno 1892 vide l'inizio di un periodo di crisi, fino a che nel 1895, il maestro della Scuola Industriale d'Arte, Arcangelo Dandrea "Podar" già presidente della Banda, sollecitato dall'amministrazione comunale, richiama i vecchi componenti e rimette in forza il Corpo Musicale già ridotto a piccola fanfara.

 

E' nel 1900 che per volere dello stesso Arcangelo "Podar" entra in gioco un personaggio chiave per il futuro del sodalizio: Giovanni Ghedina "Crepo". Già da tempo componente attivo, "Zane Crepo" come viene amichevolmente chiamato, prende la bacchetta e guida la banda fino al 1910. Il 1909 e l'anno di un'importante riconoscimento, l'invito a tutte le bande del Tirolo per i festeggiamenti di Andreas Hofer a Innsbruck, dove il Corpo Musicale viene premiato come miglior gruppo a pari merito con una Banda Altoatesina di 167 formazioni presenti al raduno.

trasferta_innsbruck_1909_350x233Nel 1910 il comune riconoscendo l'importanza di possedere un buon complesso musicale bandisce un regolare concorso per un nuovo maestro. Il vincitore é un toscano, il M°Azeglio Rinaldi che tiene la direzione fino allo scoppio della prima guerra mondiale, quando il complesso si scioglie e tutto va perduto, cosicché nel 1919, finita la Guerra, si ricomincia da capo. Tocca nuovamente al buon "Zane Crepo", l'incombenza della ricostituzione del Complesso, e la sua direzione dura fino al 1924 quando venne ingaggiato il M°Cornacchia Angelo, che é anche insegnante di violino e pianoforte. Sotto la sua guida si costituisce un'orchestrina che allieta la popolazione con l'esecuzione di concerti e persino operette. Quando nel 1931 il M°Cornacchia lascia l'incarico, torna in campo "Zane Crepo" ad operare per mantenere quel livello di coesione e affiatamento raggiunto.

 

Gli anni passano e nel 1946 "Zane Crepo", per l'età ormai avanzata rassegna definitivamente la dimissioni. A tamponare la situazione é un'altro ampezzano: Tiziano Colle "Moro". Autodidatta ma dotato ed appassionato guida felicemente per sei anni il Corpo Musicale, provvedendo all'istruzione di nuovi allievi, fino a che dopo un periodo di transizione con il prof. Dal Pont Bruno seguito dal M°Franco Lizzio nel 1955 viene incaricato della direzione il M°Vero Soncini, il quale, ottimo conoscitore di musica lirica e sinfonica é molto importante per l'opera di rinnovamento del repertorio e la formazione di nuove leve.

gruppo_pzza_Roma_1961_400x128



Ultimo aggiornamento (Giovedì 24 Marzo 2016 22:44)

 

We use cookies to improve our website and your experience. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information